RIMEDI FITOTERAPEUTICI

Ed ecco a voi alcuni rimedi fitoterapici di Salvatore per problemi di diversa natura. Questi appunti, anche se magari vi possono tornare utili per aiutare sia se stessi che gli altri, prima di mettere il piede negli ospedali o in farmacia cercando le soluzioni immediate. Anche se spesso la medicina naturale richiede più tempo delle pastiglie che ci propongono le case farmaceutiche, ma almeno siamo sicuri che non agiamo contro il nostro organismo, ma lo agevoliamo ad auto-riprendersi (ricordando sempre che il nostro corpo può accumulare molte sporcizie, ma prima o poi si ribella e li che iniziano le vere preoccupazioni). E un’altra cosa importante che la frutta, la verdura e le erbe non si vendono con il bugiardino e che molte di loro potete raccogliere da soli andando ad esplorare la Natura. (Wiola)

PROBLEMI FEMMINILI

Perdite bianche: irrigazioni vaginali con rosmarino e timo in 2 lt di acqua.

Cellulite ( Rimedi-Diuretici-Depuranti-Purganti): fieno greco, ortica, granoturco, salvia, timo, gramigna, cipolla, cicoria, borragine, dente di leone, aglio, sedano, fragola.

Seno (cancri maligni e metastasi): foglie fresche di calendula pestate.

Anemia (globuli rossi): lievito di birra, germe di grano(cereali in genere), fieno greco(infuso e macinato con aggiunta di miele),carote, spinaci, cavoli, pomodori, avena, barbabietola rossa(succo), carota(succo), cavolo bianco(succo).

PROBLEMI ALL’ INTESTINO E STOMACO

Malattie viscerali, atonie, duodeniti, ostruzioni: acidi lattici, frutta acida, aceto di miele, acidi vegetali (prugne secche polpose: macerarle per 8 giorni nell’aceto e succo di limone. Filtrare. Da dieci a venti gocce in mezzo bicchiere d’acqua durante la giornata), osso di seppia(polvere): in tutte le infermità dell’intestino. Piccole dosi ripetute 4-5 volte al giorno.

Stomaco (per tutte le malattie): maggiorana comune.

Intestino (atonie e putredine viscerale): prugne secche cotte nel vino bianco, le mele mature cotte nel miele, carote gialle cotte nel latte.

INFERMITA VISCERALI DEI BAMBINI (COLICHE, TENESMO RETTALE, DOLORI EPATICI): liquirizia(radice) più altea(radice) decotte in acqua con sale marino e miele. Ben ristretto.

Stimolanti epatici in genere: cipolla, ginepro, lavanda, limone, rosmarino.

Stimolante pancreatico: olio essenziale di limone.

RADICALI LIBERI(OSSIDANDI): i principali antiossidanti sono: il Selenio (indispensabile per la sintesi della GLUTAZIONEPEROSSINASI) lo Zinco (che fa parte della molecola di SUPEROSSIDODISMUTASI). La sua presenza inoltre è indispensabile per l’azione della vitamina A), la vitamina A (che distrugge i radicali liberi, generati dall’ ossigeno. La vitamina E (che potenzia l’azione della GLUTATIONEPEROSSIDASI e protegge i grassi della loro assimilazione, dovuta ai radicali liberi). Questi elementi nutritivi sono gli antiossidanti di base, che permettono di frenare l’invecchiamento.

OCCHI: Congiuntiviti, blefariti, malattie della cornea (quando non sono feriti): petali di rose rosse,infuso e bagnare gli occhi. Esaltazioni nervose e nell’oftalmia traumatica: tintura alcolica di calendula.

SORDITÁ: friggere un bulbo di Urginea in olio di camomilla. Instillare diverse volte quest’olio nell’orecchio. Erbe svedesi: inumidire l’indice o un batuffolo di cottone con le gocce e introdurlo nel condotto uditivo (immettere prima un po’ di olio). Inumidire anche le parti intorno all’ orecchio, intorno agli occhi, le tempie, la fronte.

OLIO DI CAMOMILLA: in Francia l’olio di camomilla si usa come lozione detergente per la pelle e come rigeneratore dei tessuti del viso per massaggiare le ghiandole degrassate del collo e come gocce per gli occhi da usare tiepide.
FORMULA: 3/4 lt di olio d’oliva e gr.90 di fiori di camomilla. Lasciar macerare per 40 giorni in un recipiente di vetro chiuso ermeticamente.
Una compressa imbevuta di infuso di camomilla si applica: calda alle articolazione, fredda a lividi e contusioni, tiepida a eczemi o altre irritazioni cutanee.
L’olio di camomilla più zucchero di datteri è un rivitalizzante delle energie maschili e serve anche per curare tosse e raucedine (un cucchiaino di zucchero di datteri imbevuto in 6 gocce di olio di camomilla.

GOLA: la sera infuso di timo, menta, fiori di malva.

POLMONI (Angine catarrali, tossi convulsive, mal di gola): fiori di papavero rosso più altea.

NAUSEA: alcool alla menta.
VERTIGINE: alcool alla menta.
EMICRANIE: alcool alla menta.
MALE DI VIAGGIO(automobile, aereo, barca): alcool alla menta.
ARTICOLAZIONI(reumatismo, infiammazioni articolari dolorose, dolori muscolari, sciatica):
– succo di betulla(diuretico, stimola reni e vescica).
– tasso barbasso: tintura. 1/2 lt di alcool, due manciate di fiori secchi. Far macerare per 2 settimane (per i reumatismi ma anche per le malattie
dell’apparato respiratorio) oppure far macerare in olio.
– origano
– maggiorana
– ruta. Tintura alcolica oppure olio di ruta. Per reumatismi muscolari e distorsioni ma anche per attacchi isterici, prolasso rettale, porri, condilomi

(Visited 779 times, 1 visits today)